Credits: Pixabay

La guida al voto de Il Bello a una settimana dalle elezioni europee.

 

Elezioni europee 2024: quando si vota?

 

Sabato 8 e domenica 9 giugno circa 17 milioni di italiani saranno chiamati alle urne per eleggere 76 deputati del Parlamento europeo.

Negli stessi giorni si voterà anche per il rinnovo delle amministrazioni di 3.715 Comuni.

I seggi resteranno aperti sabato 8, dalle ore 15 fino alle ore 23, e domenica 9, dalle 7 alle 23.

 

Come si vota?

 

Per esprimere il proprio voto gli aventi diritto dovranno recarsi alle urne con un documento d’identità e la tessera elettorale validi.

Si vota tracciando una x sul simbolo della lista prescelta.

Gli elettori potranno, inoltre, esprimere da una a tre preferenze nella stessa lista, purché i candidati votati siano di sesso diverso.

Se non si esprime alcuna preferenza il voto andrà solo alla lista.

Non è ammesso il voto disgiunto.

 

Fax simile scheda circoscrizione Meridionale

 

Chi può votare?

 

Alle prossime elezioni europee potranno votare i cittadini italiani o i cittadini dell’Unione europea residenti in Italia, che abbiano compiuto i diciotto anni di età.

Gli italiani residenti all’estero e iscritti all’Anagrafe degli italiani residenti all’estero potranno recarsi presso i seggi allestiti dalle sedi diplomatico-consolari italiane nei rispettivi Paesi di residenza.

La legge 38 del 25 marzo 2024 ha introdotto, inoltre, la possibilità per gli studenti fuorisede di votare al di fuori del proprio comune di residenza.

 

Come sono eletti i membri del Parlamento europeo?

 

Per il rinnovo del Parlamento europeo la legge prevede un sistema elettorale proporzionale e uno sbarramento al 4 per cento.

Ciò vuol dire che i seggi sono assegnati in modo tale da assicurare alle diverse liste un numero di posti proporzionale ai voti ricevuti.

Ciascuna lista dovrà, inoltre, superare la soglia di sbarramento, ottenendo almeno il 4 per cento dei voti validi espressi dagli elettori a livello nazionale.

I Paesi membri dell’Unione europea eleggeranno in totale 720 europarlamentari, ben quindici in più rispetto alle scorse elezioni.

 

Le circoscrizioni elettorali in Italia

 

All’Italia spettano 76 seggi distribuiti in cinque circoscrizioni elettorali: Nord Occidentale, Nord Orientale, Centrale, Meridionale, Insulare.

Ad ognuna di esse sarà assegnato un numero di seggi in base alla popolazione residente.

20 seggi andranno, dunque, alla circoscrizione Nord Occidentale e 15 a quella Nord Orientale; 15 seggi andranno al Centro; 18 seggi andranno al Sud e i restanti 8 saranno ripartiti tra Sicilia e Sardegna.

Rientrano nella circoscrizione Nord Occidentale la Valle d’Aosta, la Liguria, il Piemonte e la Lombardia e in quella Nord Orientale l’Emilia-Romagna, il Friuli-Venezia Giulia, il Trentino-Alto Adige e il Veneto.

Fanno parte della circoscrizione Centrale il Lazio, le Marche, la Toscana e l’Umbria.

Le regioni appartenenti a quella Meridionale sono, invece, Abruzzo, Basilicata, Calabria, Campania, Molise e Puglia.

stampa

di Mariana Cavallone

Condividi
Potrebbe anche interessarti

Eboli vince il bando Biblioteche e comunità, circa 80mila euro per libri, inclusione e cultura

Eboli vince il Bando Biblioteche e Comunità III Edizione Il progetto si…
Condividi

Addio a Carmine Gonnella, il sindacalista del dialogo e della speranza

Addio a Carmine Gonnella, il sindacalista del dialogo e della speranza Se…
Condividi

Bellandi benedice Eboli

È stato un momento importante per la città di Eboli accogliere, insieme ai…
Condividi

Palazzo Salerno, Iannucci cede il comando a Minghetti

Palazzo Salerno, cambio al vertice. Iannucci cede il comando a Minghetti Questa…
Condividi