Milano – Carnevale Ambrosiano: due chiacchiere a Cesate che si moltiplicano lungo l’arco di un mese. Chiacchiere per tutti e molto lavoro. Cinquanta chili di farina lavorati ogni giorno dal 29 gennaio fino al 25 febbraio nella Parrocchia di San Francesco.

 

Locandina

Chiediamo alla Signora Elide, settantasette anni portati alla grande, da quanto tempo le chiacchiere, dolce carnevalesco per eccellenza, sostengono tutta la comunità parrocchiale cesatese, in provincia di Milano.

“Lavoriamo, impastiamo, friggiamo e confezioniamo chiacchiere durante tutto il periodo carnevalesco dal 1985” risponde Elide, già agitata perché sottraggo tempo al suo lavoro.

50 Kg di farina al giorno si trasformano in chiacchere leggere … anzi leggerissime!

 

Tutto questa collaborazione e disponibilità è incominciata nel 1985 perché?

Perché avevamo voluto aiutare Don Umberto, allora  parroco di Cesate Villaggio, a racimolare il dovuto per ricomprare e rimontare la struttura tenso-statica che la grande nevicata del  1985 aveva distrutto.

 

Cesate Centro e Cesate Villaggio due quartieri che si sviluppano: la prima verso il bosco e parco delle Groane, la seconda verso la stazione delle Ferrovie Nord. Le prime villette a schiera, villaggio all’inglese degli anni ’50, documentato dalla Guida Rossa Touring, stanno qui. Le due chiese e i due poli di Cesate ora collaborano insieme.

Cesate Villaggio INA
In quanti siete?

Siamo due gruppi-risponde Elide- uno alla mattina e uno al pomeriggio sera. Una quarantina di persone.

Partecipano anche i giovani?

No, la più giovane ha sessant’anni.

Qual è la vostra gratificazione?

Essere riusciti ad aiutare e la cena o il pranzo di tutti noi insieme, il sabato successivo quando anche Milano è in Quaresima.

Nel Trecento, il Vescovo Ambrogio, narra la leggenda, ritardò alcuni giorni a fare ritorno a Milano dal pellegrinaggio a Roma. Il Carnevale a Milano durò fino al suo arrivo per aprire poi, il periodo della Quaresima. Quindi alcuni giorni in più.

Tutta femminile la squadra della pasticceria?

No, uomini e donne, uniti in un unico intento. Qui vige la parità di genere.   

Uomini e chiacchiere

Carnevale Ambrosiano due chiacchiere con Elide e molti vassoi confezionati e venduti. Che siano uomini o donne ad impastare, a tirare la sfoglia e poi a friggere, le chiacchiere risultano buonissime e leggerissime come la fotografia mostra.

stampa

di Barbara Avanzini

Condividi
Potrebbe anche interessarti

Riccia, frolla o……..santarosa?

Riccia, frolla o……..santarosa?   Nella pasticceria campana, ed in particolare in quella…
Condividi

Food è inclusione sociale

Food è inclusione sociale se attraverso l’apicoltura, la coltivazione dei frutti rossi,…
Condividi

Domenico Iavarone, lo chef con due stelle Michelin: “La cucina é felicità e condivisione”

Domenico Iavarone è lo chef del Josè Restaurant-Tenuta Villa Guerra di Torre…
Condividi